Contributi a fondo perduto

Contributi a fondo perduto

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 22 / E del 22 luglio 2020, ha fornito ulteriori e utili chiarimenti ai fini della fruizione del contributo a fondo perduto.

Con il decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 Decreto rilancio, dedicato al «Sostegno all’impresa e all’economia», è stato introdotto, dall’articolo 25, un contributo a fondo perduto, erogato direttamente dall’Agenzia delle entrate e destinato ai soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid 19”.

Il contributo a fondo perduto per le aziende in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria può essere richiesto anche dalle società inattive, anche da quelle in liquidazione, se la partita IVA risulta ancora attiva e non sia stata avviata la procedura di cancellazione o sospensione.

L’Agenzia delle entrate conferma, dunque, l’ipotesi secondo la quale: non essendo “cessata” la P.IVA e ferma restando la sussistenza degli ulteriori requisiti, i soggetti in parola possono fruire del contributo qui in esame.

La circolare chiarisce anche che gli agenti e rappresentanti di commercio, iscritti alla Gestione commercianti INPS e alla Fondazione Enasarco, possono presentare domanda per i contributi a fondo perduto. 

Le indennità di fine mandato non rientrano nel calcolo del fatturato e dei corrispettivi per la verifica della riduzione.

Potranno richiedere ed ottenere il contributo a fondo perduto le società in liquidazione, le imprese che hanno avviato la fase di liquidazione dopo la dichiarazione dello stato di emergenza, il 31 gennaio 2020, possono aver accesso al beneficio, nel caso di possesso dei requisiti previsti dalla norma.

Nessun calo di fatturato è richiesto per le partite IVA nei Comuni colpiti da altre emergenza diverse dal Covid-19. 

La circolare conferma che possono usufruire del contributo a fondo perduto i soggetti che hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di tutti i Comuni colpiti dal sisma del 26 e 30 ottobre 2016 e colpiti dal sisma del 18 gennaio 2017.

I soggetti con domicilio fiscale o la sede operativa nei comuni colpiti dagli eventi meteorologici verificatisi nei giorni 19 e 22 ottobre 2019 nel territorio della provincia di Alessandria.

Apertura anche alle imprese in difficoltà, dopo le modifiche apportate dalla Commissione Europea alla normativa sugli Aiuti di Stato.

Speriamo che questo articolo ti sia stato utile. Se desideri maggiori informazioni su questo argomento non esitare a contattarci, puoi farlo telefonando al numero: 02 4971 4358, scrivendo a info@ivstudio.it o inviandoci un messaggio dalla nostra pagina facebook.

Seguici su Facebook per leggere altri articoli, basta cliccare qui!

Menu