Quanto spetta di pensione a chi ha meno di 60 anni

Pensione

Nei primi mesi di quest’anno, migliaia di lavoratori hanno ricevuto la busta arancione da parte dell’INPS.

Di gran lunga la parte che più interessa i lavoratori è la simulazione della data di pensionamento e dell’importo che si andrà a percepire mensilmente. 

Questa sezione della lettera è composta da:

  • Data di pensionamento distinta tra pensione di vecchiaia (cui il lavoratore può accedere al compimento di una determinata età anagrafica e un requisito minimo di contribuzione) e pensione anticipata (per accedervi non è necessario raggiungere l’età pensionabile purché sia maturato uno specifico requisito di contribuzione);
  • Previsione di quello che sarà l’importo mensile lordo della pensione distinto tra pensione di vecchiaia e anticipata;
  • Stima dell’ultima retribuzione lorda o reddito percepito prima della pensione;
  • Tasso di sostituzione, la percentuale della pensione lorda rispetto all’ultima retribuzione percepita.

Le simulazioni effettuate con la busta arancione tengono conto della Legge Fornero, ovvero di un aumento dell’età pensionabile di 3 mesi ogni 2 anni. 

Un primo aumento è stato bloccato dall’INPS con un conseguente impatto positivo sulla soglia minima ma le future riforme pensionistiche potrebbero ritoccare al rialzo l’età pensionabile nei prossimi anni. 

Non é detto che nel 2030 saranno necessari 69 anni d’età per accedere alla pensione di vecchiaia, potrebbero essere meno, per effetto di futuri blocchi oppure di piú a causa di una riforma. 

L’unica certezza è data dall’importo, basato sul calcolo contributivo, ad esempio un lavoratore 59enne che nel 2030 avrà maturato un montante contributivo di almeno 250.000 euro percepirà una pensione lorda non inferiore a 1.500 euro mensili. 

Speriamo che questo articolo ti sia stato utile. Se desideri maggiori informazioni su questo argomento non esitare a contattarci, puoi farlo telefonando al numero: 02 4971 4358, scrivendo a info@ivstudio.it o inviandoci un messaggio dalla nostra pagina facebook.

Seguici su Facebook per leggere altri articoli, basta cliccare qui!

Menu