Il Governo sta erogando molti bonus e di diversa natura come incentivo per la ripresa dell’economia. 

Nuovo bonus Inps da 1.800 euro.

Il bonus Inps di 1.800 € è una forma di sovvenzione prevista dal decreto rilancio,  le categorie interessate sono quelle dei dipendenti e degli autonomi che, a seguito dell’emergenza in atto, hanno cessato o ridotto la propria professione. Inoltre, non può essere richiesto da coloro che hanno beneficiato del decreto Cura Italia.

A chi spetta

Il bonus Inps in questione è rivolto ai lavoratori stagionali, non appartenenti al settore turistico o balneare. Ai lavoratori intermittenti e quelli autonomi occasionali che non hanno la partita IVA e che non sono iscritte a forme previdenziali. Infine, sono comprese anche le persone che svolgono vendite a domicilio, senza partita IVA. Anche in questo caso, che non sono iscritti ad altre forme di previdenza. 

L’importo riconosciuto a questi lavoratori è di 600€ al mese per i mesi di Marzo, Aprile e Maggio, per un totale, appunto, di 1.800€.

Come richiederlo

L’Inps ha emesso una circolare al riguardo, la circolare INPS 29 maggio 2020, n.67, dove vengono specificati sia le modalità di inoltro della domanda che le classi escluse o in conflitto con la richiesta.

La domanda per il bonus Inps, deve essere inviata online tramite il portale con identificativo Spid. 

Bonus Inps, 1.000€ per gli studenti con ISEE basso

Per i ragazzi che dimostrano di avere un buon rendimento scolastico ma il cui nucleo familiare riporti un ISEE modesto, il governo stanzia fino a 1.000€ per sostenere le spese di libri, materiali e anche dei mezzi pubblici laddove siano necessari per raggiungere gli istituti scolastici.

A chi spetta

Possono richiedere il bonus gli studenti che frequentano le scuole secondarie di primo e secondo grado, che abbiano conseguito voti alti, la media dei voti richiesti si aggira attorno all’8 e al 10, e la cui famiglia sia in possesso di un ISEE basso. L’assegno parte da un minimo di 750€ fino ad arrivare ad una soglia massima di 1.000€.

Come richiederlo

Oltre allo Spid si dovrà essere registrati in una banca dati, questo passaggio si può fare tramite il portale dell’Inps utilizzando il modulo AS150. 

Asilo nido e bonus Inps

Per tutti i figli nati dal 1 Gennaio 2016, spetta un bonus fino a 1.000 euro, per aiutare a pagare le rate delle rette degli asili. 

Il bonus è erogato anche per bambini con età inferiore ai 3 anni affetti da gravi patologie che non possono frequentare le scuole e per cui è necessaria una forma di assistenza domiciliare. In questo caso, l’importo massimo erogabile si aggira intorno ai 3.000 euro 

La domanda per il bonus Inps può essere presentata da un genitore del bambino nato o adottato dal 1 gennaio 2016. Gli importi varieranno sulla base dell’effettiva frequentazione dell’alunno e sulla base dell’ISEE presentato.

Il nuovo bonus Inps per pc e tablet

Il nuovo contributo economico per pc e tablet va da un minimo di 200 euro fino a un massimo di 500. Come nel bonus cultura destinato a insegnanti e studenti, i soldi non arrivano direttamente sul conto ma vengono dati sotto forma di sconto.  

Il reddito ISEE non dovrà essere superiore ai 20mila euro e la domanda si può presentare direttamente agli operatori telefonici aderenti.

Bonus Inps e Naspi

I possessori della Naspi non potranno usufruire di nessun bonus Inps messo a disposizione del governo, in quanto viene giá considerata una sovvenzione sociale pertanto non da diritto all’accesso ad altri incentivi.

Novità per il 2021 

Il nuovo bonus Inps per il 2021 è l’assegno unico per i figli. 

Ai genitori con figli a carico spettano dai 50 ai 250€ per ogni figlio convivente di età inferiore ai 21 anni. 

Nella sostanza l’assegno è previsto per tutte le famiglie senza esclusioni ISEE e partirà dal settimo mese di gravidanza fino al compimento dei 21 anni. 

Nel caso di figli disabili la quota dell’assegno unico universale sarà maggiorato dal 30% al 50%, inoltre avrà durata per tutta la vita del figlio disabile.

Speriamo che questo articolo ti sia stato utile. Se desideri maggiori informazioni su questo argomento non esitare a contattarci, puoi farlo telefonando al numero: 02 4971 4358, scrivendo a info@ivstudio.it o inviandoci un messaggio dalla nostra pagina facebook.

Seguici su Facebook per leggere altri articoli, basta cliccare qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu